Savoia o Borboni: chi la spunterà?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone

juve napoliCome promesso, eccomi di nuovo al mio posto per commentare gli avvenimenti del mese appena trascorso. Il mio viaggio in Brasile (ho il mandato di qualche giovane calciatore di cui sentirete parlare) e soprattutto le folli settimane del calciomercato più lungo di  ogni indecente ideazione, mi hanno costretto a restare in stand by per l’aggiornamento della mia bacheca. Andiamo per gradi. Come prevedevo, dopo tanti annunci, acquisti, cessioni, fiumi di parole, la sostanza non la vedo cambiata. Chi deve salvarsi continuerà a farlo e chi deve vincere i campionati ha le medesime chance. Soltanto Juve e Napoli mi sono sembrate lungimiranti acquisendo subito o per il mese di giugno elementi di grandi prospettive e di sicura affidabilità da inserire in gruppi ben collaudati (Grassi e Mandragora gli esempi). Vi annuncio fin da ora che per la prossima sessione, queste due società effettueranno colpi davvero importanti per affermarsi definitivamente in Europa. Inter, Roma e Milan non mi hanno convinto perché oggi El Shaarawy equivale a Gervinho (colgo l’occasione per un saluto affettuoso a mister Spalletti). Per il prossimo anno credo che i giallorossi debbano avere le idee più chiare. Il Milan migliorerà la classifica lasciando, però, in atto un po’ di confusione societaria. Dell’ Inter mi avvalgo della facoltà di non rispondere sia per l’ aspetto tecnico (in 15 mesi ho visto di tutto e il contrario di tutto) che per l’ immagine perché gli ultimi avvenimenti che hanno coinvolto Mancini sono quantomeno imbarazzanti. Io credo che la società nerazzurra sia completamente fuori strada. Mi auguro di sbagliare perché nella lotta per lo scudetto non può mancare l’Inter. A Verona, Frosinone e Carpi auguro di dare filo da torcere fino all’ ultima giornata in quanto lo meritano, oltre ai calciatori, soprattutto i loro dirigenti e le proprietà. In serie B Cagliari Crotone e Pescara si impongono su tutti e spero che anche il Novara possa inserirsi nella promozione diretta. In coda vi sono sei società (tra cui la Salernitana) a dover soffrire fino all’ ultimo per il mantenimento della categoria. Quindi una sola di esse (sempre secondo un mio rivedibile e modesto avviso) si salverà mentre altre due saranno costrette allo spareggio. Poi, come spesso accade basterebbero 3 vittorie consecutive per tirarsi fuori dalle sabbie mobili. I cambiamenti effettuati da Lotito circa “la rosa” non mi hanno per nulla convinto e credo che, comunque, dovranno essere i soliti calciatori (Coda, Pestrin, Donnarumma, Odjer ed altri) a guidare i compagni alla salvezza. Alla vigilia di un importante  Juventus-Napoli, mi chiederete certamente il parere ed il pronostico. Per me sarà pareggio, ma poichè un risultato dipende quasi sempre da episodi a volte nemmeno preventivati (vedi rigori, espulsioni, ecc.) voglio aggiungere altresì che qualsiasi risultato potrà dare semplicemente un vantaggio senza essere quindi determinante. Soltanto le ultime tredici gare saranno dirimenti per lo scudetto!! Auspico comunque, senza retorica, una domenica “sportiva”, “tesa”, e “civile”, senza vittimismi o provocazioni di parte perché questo calcio lo hanno già in tanti massacrato. Vi assicuro che, nonostante io svolga la professione medica certamente più nobile, il calcio è il gioco, il lavoro ed il divertimento più esaltante al mondo. Spero che queste mie raccomandazioni risultino inutili, ma ho molti dubbi al riguardo. Per una rapida considerazione sul calcio europeo devo onestamente far ammenda e riconoscere un grossolano errore di valutazione circa il Manchester City. Pur restando dell’ idea che i campioni ed i fuoriclasse che annovera fra le sue fila sono tanti, non avevo considerato la superficialità con cui la proprietà e l’ allenatore abbiano trascurato le condizioni fisiche di Kompany e le correzioni doverose durante il mercato di gennaio. In effetti fino ad ora si è basato sulle prestazioni dei singoli (Tourè, Sterling, De Bruyne) e questo non è mai sufficiente. Invece la vera regina d’ Europa, comunque vada a finire in primavera è una sola: il meraviglioso ed incredibile Leicster del grande Claudio Ranieri ! Ne sono estasiato!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone
Articolo nserito in Calcio, Editoriale. Memorizza il .

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *